“Se si va con qualcun altro, tutto finisce in chiacchiere”… Freya Stark: di nuovo l’esplorazione declinata al femminile.


Per caso, alla ricerca di qualcosa di inconsueto da condividere con gli slowtraveller mi imbatto, nuovamente, in un’esploratrice che, guarda caso, elogia la solitudine per affrontare i viaggi. E’ presto fatto il collegamento al titolo del precedente articolo “Alexandra David Neel: viaggiare da sola…”

Sembra quasi voluto, ma davvero mi sorprende questa idealizzazione della solitudine per dare valore e senso ai nostri viaggi.

In un primo momento mi appariva come se Freya Madeline Stark fosse un “clone” della David Neel ma, quanto più approfondivo la conoscenza virtuale di questa viaggiatrice, tanto più mi accorgevo che il modo di vivere in solitaria il viaggio è, sostanzialmente, diverso…

Freya Stark, viaggiatrice, esploratrice e scrittrice inglese, nasce a Parigi il 31 gennaio 1893 e trascorre la propria infanzia e giovinezza ad Asolo, nella bella marca trevigiana.

Papà Robert, scultore e pittore inglese originario di Dartmoor, nel Devon, e mamma Flora, musicista e pittrice italiana con origini polacche-tedesche, appartenevano alla piccola nobiltà inglese del tempo che trovò in Asolo (TV) – già nell’Ottocento la cittadina ospitava una comunità di nobili ed illustri personaggi inglesi tra cui il letterato e fotografo Herbert Young e Pen Browning figlio del poeta Robert –   la località adatta alle loro esigenze e a quelle delle loro bambine, Vera e Freya, quest’ultima pure cagionevole di salute, oltreché deturpata nel fisico in quanto priva di parte dell’orecchio, della palpebra destra  e di parte del cuoio capelluto a causa di un incidente occorsole in età adolescenziale, nella manifattura di tessuti di gestione materna che nasconderà, dopo l’adolescenza, con accorgimenti, parrucche e cappellini Dior. Continua a leggere ““Se si va con qualcun altro, tutto finisce in chiacchiere”… Freya Stark: di nuovo l’esplorazione declinata al femminile.”

Invito al viaggio: Amor America

Maruja Torres decide di scoprire l’America per conto suo; dapprima attraverso i racconti degli esiliati e dei perseguitati politici, poi con soggiorni sempre più frequenti. Amor America è il risultato di questi viaggi di cui l’ultimo, il più importante, la conduce da sud a nord, dalla Patagonia al Messico, da Buenos Aires al Machu Picchu, in treno, autobus e ogni altro mezzo possibile alla scoperta delle diverse realtà di questo continente. E’ un viaggio interiore e interminabile con protagonisti importanti come Neruda, Borges, Soriano, ma anche incontri con uomini e donne qualsiasi. L’autrice cerca di spogliarsi delle sue emozioni, descrivendo ciò che vive in modo oggettivo. Giornalismo e letteratura diventano la stessa cosa.

Il paragrafo precedente non è altro che il risvolto di copertina dell’interessante libro di questa giornalista-scrittrice. Quello che invece è importante di questo libro è invece -a mio modesto parere- la forse involontaria capacità dell’autrice di portarci dentro una realtà che corrisponde proprio con la rappresentazione che abbiamo nella nostra mente di alcune zone. Il mezzo utilizzato, le caratteristiche tecniche, le modalità di fruizione, l’approccio mentale dell’autrice alla lentezza di un viaggio finalizzato alla ricerca delle proprie radici.

Di particolare importanza, per noi viaggiatori lenti, è un passaggio del libro in cui l’autrice spiega come un viaggio, un vero viaggio, non è mai qualcosa di improvviso, di non meditato, ma è piuttosto un qualcosa che si costruisce pian piano, mattone dopo mattone sfogliando libri, analizzando guide, consultando siti (questa è una mia aggiunta in considerazione del momento in cui il libro è stato scritto) . È qualcosa che cresce nella nostra mente fino a che si prende la decisione di partire…

 

La notte dei Poeti – dal 15 al 31 Luglio 2017

Dal 15 al 31 Luglio va in scena il Festival  “La notte dei Poeti”, nella suggestiva cornice dell’anfiteatro romano di Nora e del centro storico di Pula.

Il Festival torna a far rivivere il teatro romano di Nora come luogo di arte, poesia e spettacolo. Testi in versi e in prosa, note classiche e contemporanee di fondono con i paesaggi naturali dell’isola, valorizzando insieme aspetti culturali e letterari e patrimonio storico-artistico ed ambientale.

Fil rouge di questa 35º edizione del Festival è “il Mediterraneo, tra mito e contemporaneità”. Il Festival si aprirà sabato 15 Luglio con “L’affare Vivaldi”, un concerto spettacolo tratto dall’omonimo romanzo di Federico Maria Sardelli, con la voce narrante di Luigi Lo Cascio e musiche dell’ Ensemble Modo Antiquo.

Seguiranno nei giorni successivi tredici appuntamenti tra concerti, spettacoli, recital e danza, interpretati da artisti di primo piano del panorama artistico-culturale nazionale.

 

Per maggiori informazioni: http://www.lanottedeipoeti.it/

Tel: 345 4894565

Email: biglietteria@cedacsardegna.it

 

 

1° Concorso letterario “viaggio intorno al viaggio slow” lanciato da SlowTravel a partire dal 22 maggio 2017

BandieraESBandieraDEBandieraFR BandieraUK BandieraIT

Chi siamo?

L’associazione SlowTravel nasce da un’idea dell’esperienza di viaggio vissuta con lo spirito degli esploratori adeguata ai tempi e senza irrealistiche visioni nostalgiche.

La comunità degli SlowTraveller unisce ed accompagna i suoi componenti in un’esperienza di viaggio mai esauriente e così emozionante da stimolare il desiderio di accrescere il bagaglio dei moderni esploratori.

Perché un concorso letterario?

Per ampliare la comunità SlowTravel.

Il racconto del viaggio accompagna ognuno di noi: che sia il percorso per raggiungere il luogo di lavoro o quello intrapreso per esplorare “nuovi mondi”, sentiamo il bisogno di trasmettere l’emozione vissuta… suscitando in chi ci ascolta o ci legge il desiderio di ricalcare le nostre orme.

Perché partecipare?

Porta il tuo talento nella nostra associazione!

Il concorso  rappresenta un’occasione per  mettere in gioco la tua passione, ma….anche un’opportunità per intraprendere una reciproca collaborazione con la comunità.

Perché la votazione piramidale?

Lascia che le tue opere vengano premiate da una comunità di utenti diversificata e sconosciuta e non solo da te e dai like dei tuoi amici.
Ai blocchi di partenza siamo tutti uguali!

Chi vincerà?

Sarà premiata la tua capacità di coinvolgere e creare interesse, ma saranno anche tenute in conto la qualità e l’originalità del testo: in poche parole, l’essenza del momento da te rappresentato.

C’è bisogno di una risposta ?
Mettiamoci in gioco… con il nostro tablet o muniti di carta e penna, prepariamoci al nostro viaggio.

Regolamento del concorso: http://www.slowtravel.it/regolamento/concorsoslowtale2017.pdf 

Per partecipare: http://www.slowtravel.it/st_contests/slowtale2017/index.php

Per ulteriori informazioni: concorsoslowtale2017@slowtravel.it

 

SlowTravel.it lancia il primo concorso letterario con tema “viaggio intorno al viaggio slow”.

L’ennesimo concorso letterario? Sì… ma non “il solito”!

I partecipanti avranno la possibilità di condividere e mettere in competizione il ricordo di un viaggio, sia esso anche solo un trasferimento quotidiano, l’emozione suscitata dalla natura, dalle imprese e dall’opera dell’uomo.

Quando: gli elaborati potranno essere inviati dal 15/05/2017 al 15/09/2017
Dove: www.slowtravel.it
Perché: per far crescere la comunità dei     moderni esploratori slow
Argomenti/Soggetti: 1. Il tuo viaggio, la nostra emozione

2. Il racconto del tuo viaggio (reportage)

3. Il racconto del tuo viaggio (diario)

Chi può partecipare: professionisti, amatori, dilettanti
Regolamento e premi: dal 15/05/2017su www.slowtravel.it
Info: concorsoslowtale2017@slowtravel.it

Blog su WordPress.com.

Su ↑