“Se si va con qualcun altro, tutto finisce in chiacchiere”… Freya Stark: di nuovo l’esplorazione declinata al femminile.


Per caso, alla ricerca di qualcosa di inconsueto da condividere con gli slowtraveller mi imbatto, nuovamente, in un’esploratrice che, guarda caso, elogia la solitudine per affrontare i viaggi. E’ presto fatto il collegamento al titolo del precedente articolo “Alexandra David Neel: viaggiare da sola…”

Sembra quasi voluto, ma davvero mi sorprende questa idealizzazione della solitudine per dare valore e senso ai nostri viaggi.

In un primo momento mi appariva come se Freya Madeline Stark fosse un “clone” della David Neel ma, quanto più approfondivo la conoscenza virtuale di questa viaggiatrice, tanto più mi accorgevo che il modo di vivere in solitaria il viaggio è, sostanzialmente, diverso…

Freya Stark, viaggiatrice, esploratrice e scrittrice inglese, nasce a Parigi il 31 gennaio 1893 e trascorre la propria infanzia e giovinezza ad Asolo, nella bella marca trevigiana.

Papà Robert, scultore e pittore inglese originario di Dartmoor, nel Devon, e mamma Flora, musicista e pittrice italiana con origini polacche-tedesche, appartenevano alla piccola nobiltà inglese del tempo che trovò in Asolo (TV) – già nell’Ottocento la cittadina ospitava una comunità di nobili ed illustri personaggi inglesi tra cui il letterato e fotografo Herbert Young e Pen Browning figlio del poeta Robert –   la località adatta alle loro esigenze e a quelle delle loro bambine, Vera e Freya, quest’ultima pure cagionevole di salute, oltreché deturpata nel fisico in quanto priva di parte dell’orecchio, della palpebra destra  e di parte del cuoio capelluto a causa di un incidente occorsole in età adolescenziale, nella manifattura di tessuti di gestione materna che nasconderà, dopo l’adolescenza, con accorgimenti, parrucche e cappellini Dior. Continua a leggere ““Se si va con qualcun altro, tutto finisce in chiacchiere”… Freya Stark: di nuovo l’esplorazione declinata al femminile.”

ALEXANDRA DAVID NEEL: viaggiare da sola…

Nel tardo pomeriggio di questo torrido agosto 2017 una telefonata amorevole mi invita a guardare, su RaiStoria, un filmato della serie “Lady travellers” dedicato ad una sconosciuta (per me) esploratrice:  ALEXANDRA DAVID NEEL.

Con sospettosa curiosità mi appropinquo a vedere lo streaming del programma che sta per cominciare.

Inizio a fissare su un foglio word, mentre ascolto le parole del racconto, le k-words che mi appaiono identificative di questa donna dalla vita sì avventurosa ma soprattutto estranea ai suoi tempi oppure solamente una precorritrice degli stessi.

Il narratore della trasmissione sull’”esploratrice” dal nome che mi evoca il noto attore inglese David Niven, esordisce con le seguenti parole: “Vivi la tua vita più intensamente che puoi”; era una delle frasi che un padre “illuminato” esprimeva a sua figlia Louise, Eugénie, Alexandrine, Marie David nata a St. Mandé – Regione de l’Ile de France – vicino Parigi, il 24 ottobre 1868: Alexandra David Neel. Continua a leggere “ALEXANDRA DAVID NEEL: viaggiare da sola…”

Invito al viaggio: Amor America

Maruja Torres decide di scoprire l’America per conto suo; dapprima attraverso i racconti degli esiliati e dei perseguitati politici, poi con soggiorni sempre più frequenti. Amor America è il risultato di questi viaggi di cui l’ultimo, il più importante, la conduce da sud a nord, dalla Patagonia al Messico, da Buenos Aires al Machu Picchu, in treno, autobus e ogni altro mezzo possibile alla scoperta delle diverse realtà di questo continente. E’ un viaggio interiore e interminabile con protagonisti importanti come Neruda, Borges, Soriano, ma anche incontri con uomini e donne qualsiasi. L’autrice cerca di spogliarsi delle sue emozioni, descrivendo ciò che vive in modo oggettivo. Giornalismo e letteratura diventano la stessa cosa.

Il paragrafo precedente non è altro che il risvolto di copertina dell’interessante libro di questa giornalista-scrittrice. Quello che invece è importante di questo libro è invece -a mio modesto parere- la forse involontaria capacità dell’autrice di portarci dentro una realtà che corrisponde proprio con la rappresentazione che abbiamo nella nostra mente di alcune zone. Il mezzo utilizzato, le caratteristiche tecniche, le modalità di fruizione, l’approccio mentale dell’autrice alla lentezza di un viaggio finalizzato alla ricerca delle proprie radici.

Di particolare importanza, per noi viaggiatori lenti, è un passaggio del libro in cui l’autrice spiega come un viaggio, un vero viaggio, non è mai qualcosa di improvviso, di non meditato, ma è piuttosto un qualcosa che si costruisce pian piano, mattone dopo mattone sfogliando libri, analizzando guide, consultando siti (questa è una mia aggiunta in considerazione del momento in cui il libro è stato scritto) . È qualcosa che cresce nella nostra mente fino a che si prende la decisione di partire…

 

Una bellissima non-guida sulla Norvegia

Mi sono recato numerose volte nei paesi scandinavi, Danimarca, Finlandia, Svezia e Norvegia, sia per lavoro che per turismo. I ritmi lenti di quelle popolazioni, le luci particolari del cielo, la semplicità della vita, il rapporto con le difficoltà del clima, la disponibilità e la correttezza delle persone mi hanno sempre colpito e soddisfatto.

Nei giorni scorsi, cominciando a selezionare alcune guide di viaggio che siano simili per obiettivi a quelli che ci riproponiamo come associazione, mi sono soffermato su questo libro,  un’ opera deliziosa di Camilla Bonetti che ha condensato in un’opera non troppo lunga e mai noioso le caratteristiche dei norvegesi -che poi altro non sono che discendenti del popolo vichingo- e della terra che essi abitano.

Certo, se devi andare in Norvegia, non basterà questo libercolo, che infatti definisco una non-guida, ma dovremo acquistare una guida vera e propria, informarci su siti internet, scaricare app (?)… Insomma, tutte quelle attività che è necessario svolgere quando si prepara un viaggio.

Non sarà sufficiente per programmare il nostro viaggio, ma sarà sufficiente a metterci voglia di partire…

 

 

 

I Suoni delle Dolomiti in Trentino – Val di Fassa

Nello splendido scenario delle montagne del Trentino torna I Suoni delle Dolomiti”, un festival di musica e spettacolo d’alta quota, in programma dal 7 Luglio al 31 Agosto.

Un incontro tra arte e natura, ma anche un’esperienza di scambio, in cui musicisti, artisti e spettatori provenienti da tutto il mondo raggiungono a piedi le cime dolomitiche, condividendo gli stessi sentieri, la stessa fatica e l’emozione di arrivare in vetta godendo del suggestivo spettacolo delle Dolomiti che si colorano di musica.

Per questa 23º edizione è prevista una ricca proposta musicale, che spazierà dal jazz alla musica classica, dalla world music alla canzone d’autore, che animeranno palcoscenici naturali (radure, spalti di rocce, malghe e laghetti).

Un appuntamento speciale della rassegna è quello con l’Alba delle Dolomiti, con la musica che accompagna il sorgere del sole sulle cime.

Vengono organizzati anche trekking con le Guide Alpine del Trentino, e novità di quest’anno la Campiglio Special Week, una settimana di concerti con Mario Brunello e la Kremerata Baltica.

 

Informazioni e programma: http://www.isuonidelledolomiti.it

 

 

 

 

Cortona On The Move – Festival internazionale di fotografia

Dal 13 luglio al 1 ottobre 2017 apre al pubblico la settima edizione del Festival internazionale di fotografia Cortona On The Move, che animerà il centro storico e la Fortezza Medicea del Girifalco del borgo toscano di Cortona.

Il Festival organizzato dall’Associazione OnTheMove, sotto la direzione artistica di Arianna Rinaldo, presenta anche quest’anno un calendario ricco di mostre fotografiche, workshop, progetti editoriali ed incontri con alcuni dei più grandi fotografi internazionali.

Per questa edizione  sono state promosse quattro open call, alla scoperta di nuovi talenti, tra cui: “NEW VISIONS” in collaborazione con LensCulture, per presentare opere di tipo documentaristico; “VIAGGI DA COPERTINA” in collaborazione con Lonely Planet, per celebrare il viaggio e le emozioni vissute intorno al mondo. Lo scopo di queste iniziative è favorire la realizzazione di progetti editoriali, di mostre o erogare fondi per un progetto fotografico.

Inoltre, il Circuito OFF mette a disposizione dei giovani fotografi spazi espositivi per mostrare il proprio talento ottenendo prestigio e visibilità.

Un appuntamento imperdibile per professionisti e appassionati di fotografia, e per chiunque voglia viaggiare tra terre sconosciute, storie ed emozioni, mediante il linguaggio della fotografia.

 

Per maggiori informazioni:

http://www.cortonaonthemove.com/it

Contatti: info@cortonaonthemove.com

1° Concorso letterario “viaggio intorno al viaggio slow” lanciato da SlowTravel a partire dal 22 maggio 2017

BandieraESBandieraDEBandieraFR BandieraUK BandieraIT

Chi siamo?

L’associazione SlowTravel nasce da un’idea dell’esperienza di viaggio vissuta con lo spirito degli esploratori adeguata ai tempi e senza irrealistiche visioni nostalgiche.

La comunità degli SlowTraveller unisce ed accompagna i suoi componenti in un’esperienza di viaggio mai esauriente e così emozionante da stimolare il desiderio di accrescere il bagaglio dei moderni esploratori.

Perché un concorso letterario?

Per ampliare la comunità SlowTravel.

Il racconto del viaggio accompagna ognuno di noi: che sia il percorso per raggiungere il luogo di lavoro o quello intrapreso per esplorare “nuovi mondi”, sentiamo il bisogno di trasmettere l’emozione vissuta… suscitando in chi ci ascolta o ci legge il desiderio di ricalcare le nostre orme.

Perché partecipare?

Porta il tuo talento nella nostra associazione!

Il concorso  rappresenta un’occasione per  mettere in gioco la tua passione, ma….anche un’opportunità per intraprendere una reciproca collaborazione con la comunità.

Perché la votazione piramidale?

Lascia che le tue opere vengano premiate da una comunità di utenti diversificata e sconosciuta e non solo da te e dai like dei tuoi amici.
Ai blocchi di partenza siamo tutti uguali!

Chi vincerà?

Sarà premiata la tua capacità di coinvolgere e creare interesse, ma saranno anche tenute in conto la qualità e l’originalità del testo: in poche parole, l’essenza del momento da te rappresentato.

C’è bisogno di una risposta ?
Mettiamoci in gioco… con il nostro tablet o muniti di carta e penna, prepariamoci al nostro viaggio.

Regolamento del concorso: http://www.slowtravel.it/regolamento/concorsoslowtale2017.pdf 

Per partecipare: http://www.slowtravel.it/st_contests/slowtale2017/index.php

Per ulteriori informazioni: concorsoslowtale2017@slowtravel.it

 

1° Concorso Fotografico “viaggio intorno al viaggio slow” lanciato da SlowTravel a partire dal 22 maggio 2017

  BandieraESBandieraDEBandieraFRBandieraUKBandieraIT

Chi siamo?

L’associazione SlowTravel nasce da un’idea dell’esperienza di viaggio vissuta con lo spirito degli esploratori adeguata ai tempi e senza irrealistiche visioni nostalgiche.

La comunità degli SlowTraveller unisce ed accompagna i suoi componenti in un’esperienza di viaggio mai esauriente e così emozionante da stimolare il desiderio di accrescere il bagaglio dei moderni esploratori.

Perché un concorso fotografico?

Per ampliare la comunità SlowTravel.

La fotografia accompagna ognuno di noi: che sia il viaggio per raggiungere il luogo di lavoro o quello intrapreso per esplorare “nuovi mondi”, sentiamo il bisogno di immortalare ciò che vediamo, catturando in uno scatto l’emozione vissuta… suscitando in chi la osserva il desiderio di partire.

Perché partecipare?

Porta il tuo talento nella nostra associazione!

Il concorso  rappresenta un’occasione per  mettere in gioco la tua passione, ma…anche un’opportunità per intraprendere una reciproca collaborazione con la comunità.

Perché la votazione piramidale?

Lascia che le tue opere vengano premiate da una comunità di utenti diversificata e sconosciuta e non solo da te e dai like dei tuoi amici.
Ai blocchi di partenza siamo tutti uguali!

Chi vincerà?

Sarà premiata la tua capacità di cogliere e comunicare l’essenza del momento da te vissuto: sono importanti non solo il soggetto da te immortalato, ma anche la qualità dell’immagine e la tua attenta e spontanea osservazione.

Perché un concorso aperto a tutti?

C’è bisogno di una risposta?
Mettiamoci in gioco…. con la nostra Nikon professionale o con il nostro smartphone, prepariamoci al nostro viaggio.

Regolamento del concorso: http://www.slowtravel.it/regolamento/concorsoslowfoto2017.pdf

Per partecipare: http://www.slowtravel.it/st_contests/slowfoto2017/index.php

Per ulteriori informazioni: concorsoslowfoto2017@slowtravel.it

SlowTravel.it lancia il primo concorso letterario con tema “viaggio intorno al viaggio slow”.

L’ennesimo concorso letterario? Sì… ma non “il solito”!

I partecipanti avranno la possibilità di condividere e mettere in competizione il ricordo di un viaggio, sia esso anche solo un trasferimento quotidiano, l’emozione suscitata dalla natura, dalle imprese e dall’opera dell’uomo.

Quando: gli elaborati potranno essere inviati dal 15/05/2017 al 15/09/2017
Dove: www.slowtravel.it
Perché: per far crescere la comunità dei     moderni esploratori slow
Argomenti/Soggetti: 1. Il tuo viaggio, la nostra emozione

2. Il racconto del tuo viaggio (reportage)

3. Il racconto del tuo viaggio (diario)

Chi può partecipare: professionisti, amatori, dilettanti
Regolamento e premi: dal 15/05/2017su www.slowtravel.it
Info: concorsoslowtale2017@slowtravel.it

Blog su WordPress.com.

Su ↑